L’estate sta per arrivare, le ferie, il sole, mare o montagna secondo i gusti e …l’agognato relax!

Si relax per noi, ma non per la nostra pelle. Se tutto l’anno viviamo rinchiusi nei nostri uffici o in ambienti chiusi, in estate, in quei pochi giorni di beato ozio pretendiamo che la pelle assorba senza fiatare ore e ore di sole. E guai se si arrossa , se ci viene un eritema o peggio se non ci si abbronza.L’abbronzatura vale, infatti, quale certificazione di aver fatto le vacanze. Se ci azzardiamo a tornare non abbronzati ecco un fiorire di commenti: “trovato brutto?” ,“ ma ci sei andata in vacanza”?

Io, essendo mozzarella di natura, patisco la cosa da tempo tra ironia e risatine. Negli anni ho imparato un po’ a fregarmene, un po’ a distinguere che chi non è in grado di capire che se sei chiara e bionda (fototipo2) non diventerai mai scura, manco stando dieci anni al sole, non si merita una risposta. Cominciamo quindi a chiarire che siamo diversi, con fototipi diversi e chi è chiarissimo non diventerà scuro neanche usando fantomatici prodotti miracolo, come chi è scuro e si macchia facilmente, se non si protegge, tornerà dalle ferie simile a un giaguaro.

Quindi, se non volete apparire improvvisamente rugose come la vostra bis-nonna, rosse come peperoni ancora da spellare o con nuove e indelebili macchie, occorre prepararsi al meglio, scegliendo i prodotti giusti, curando pelle e alimentazione.

Segui i consigli di Elisabetta Casale sul N15 di FunnyVegan>>