Forse qualcuno di noi ha visto il logo di Ippoasi, creato unendo a mo’ di puzzle i simpatici musetti di varie specie per formarne uno nuovo e felice, o le magliette a sostegno della stessa “fattoria della pace” con scritto “Sono una vacca… e allora?” o “Sono un maiale… e allora?” e il volto dell’animale soddisfatto e beato. Ecco, tutte queste immagini sono frutto della matita di Andrea Malgeri, giovane autore che, fin da ragazzino, ha trovato nella causa animalista grande fonte d’ispirazione. “Ciò che mi colpì di più la prima volta che arrivai ad Ippoasi – confida Andrea – fu la possibilità di avere a che fare con animali considerati ‘da reddito’ in un contesto di libertà e vederli interagire fra loro come un vero e proprio branco! Fu una visione bellissima! Da allora – è passato tempo – con lo staff di Ippoasi esiste amicizia e collaborazione. Ho vissuto assieme a loro per alcuni mesi e, proprio in dell’occasione, ho pensato di dedicare alla loro storia uno dei miei fumetti, L’oasi dei cavalli”.

leggi l’intervista completa su FunnyVegan n15>>

a cura di Elisa Orlandotti