Protagonista della campagna GO VEGAN!

Come è nata l’idea di questa campagna?
E’ nato tutto da un bellissimo incontro con Sauro Martella, ideatore del Veganfest e Achille Jachetti, fotografo e ideatore della mostra fotografica “Macelleria.me”.
La mostra ritrae corpi nudi femminili e maschili, ripresi in pose ispirate a corpi di animali, simulando la sofferenza dei nostri amici animali. Le immagini sono molto forti, la sofferenza e il dolore sono palpabili e laceranti. Immagini che non tutti sono disposti a guardare.
L’idea della campagna è partita da Sauro Martella e tutti e tre abbiamo condiviso l’idea di creare una campagna più soft  per poter raggiungere un numero maggiore di persone.

Non è la prima volta che le associazioni animaliste utilizzano testimonial legati al mondo del  porno…serve ad avere maggiore visibilità o c’è dell’altro?
Il porno non è ancora completamente accettato, basta pensare che al giorno d’oggi tante persone crescono addirittura con l’idea che il sesso sia un tabù.
La storia ci insegna che più si impongono limiti, più la gente vuole rompere questi schemi, di conseguenza la scelta di  una pornostar a tutt’oggi incuriosisce ed incrementa la popolarità della campagna. Tra l’altro Achille Jachetti è stato bravissimo nel creare la frase della campagna “non desiderare il corpo d’altre (specie)”: così come la pornostar viene  identificata come donna-oggetto per soddisfare il piacere personale dell’uomo, anche gli animali vengono visti come oggetto per soddisfare il desiderio e il piacere di mangiare la carne. Infine questa campagna è interamente  VEGAN: l’ideatore Sauro Martella, il fotografo Achille Jachetti sono vegani ed io, oltre ad essere pornostar, sono vegana-crudista. Credo che tutto ciò conferisca ancor più coerenza alla campagna.

Come ci si poteva aspettare quando si sceglie di utilizzare argomenti legati al sesso le critiche arrivano. In questo caso dobbiamo dire che, se ci sono state, probalimente saranno arrivate da chi non ha ancopra visto la campagna, dato il tono molto pacato dei doppisensi e la bellezza dell’immagine. Come  è andata da questo aspetto?
Prima della presentazione della campagna svolta al VeganOk-Expo presso il Sana di Bologna, era stato pubblicato il video di backstage della campagna su diversi siti tra cui LaRepubblica, TGCOM24 e molti altri ancora, ottenendo ben 70000 visualizzazioni nei primi giorni dalla pubblicazione avvenuta il 16 Agosto e raggiungendo poi le 100000 visualizzazioni in poche settimane. In effetti qualche critica c’è stata, ma sono tutte arrivate prima della reale presentazione della campagna, poichè il video di backstage non rivelava il “claim” della campagna ed il suo tono pacato e giocoso. Dal momento in cui la campagna è stata presentata abbbiamo solo ricevuto complimenti!
Un grandioso successo!!!

Abbiamo conosciuto Silvia durante il VenagOKexpo a Bologna, bella, simpatica e molto dolce. Per di più crudista! Come si coniuga questa scelta con lo stile e i ritmi di vita imposti dal tuo lavoro?
Quando sono a casa, vario molto tra frutta e verdura e mi diletto a sperimentare nuove ricette.
Il mio supermercato di fiducia è il mercato agricolo, dove faccio rifornimento di casse di frutta e verdura in quantità tali che spesso gli esercenti presenti mi chiedono se ho una piccola rivendita.
Quando sono in viaggio per lavoro (sia in Italia sia all’estero) è un pò più dura, sebbene dovrebbe essere più semplice, perchè in fondo mi nutro di alimenti reperibili con una facilità disarmante. Molti ristoranti non sono riforniti di frutta, o se ce l’hanno è spesso acerba o in quantità scarse. Così vado un pò a tentativi, sperimento i vari locali e mi affido al buon cuore dei ristoratori che devo dire, tolto rari casi, si sono sempre dimostrati disponibilissimi cercando di soddisfare le mie richieste il più possibile.

Progetti per il futuro?
Sicuramente continuare a diffondere il veganismo, come uno stile di vita etico e salutare e tra poco inizierò una collaborazione con un importante programma radiofonico italiano LoZoodi105, dove curerò una rubrica sul loro sito internet che parlerà principalmente di sesso, ma dove troverò anche il modo di diffondere il verbo “veganare” A breve, realizzerò altri due film nel mondo dell’hard uno con Omar Galanti per Evilangel, la più importante casa di produzione di film hard al mondo, situata a Los Angeles, e un altro per il maestro Mario Salieri.

Leggi tutto l'articolo >