Guardandoli si ha l’idea della solidità, data da volumi e forme. Metalli levigati, piegati, compatti. Sono le creazioni firmate da Daedalus-project, particolarmente adatte a un gusto che poco si perde in leziosità e preziosismi, ma ama comunque oggetti con una storia e con la capacità di trasferire un’emozione. A idearli e venderli su Etsy è Vincenzo, nato a Napoli e trasferitosi nel modenese. 

Come è nata l’idea di disegnare gioielli?

Ho sempre avuto la passione per il disegno e già da giovane realizzavo dei monili per gli amici e per me, in qualsiasi materiale. Intanto leggevo molto di arte contemporanea e design.

Quando ho fatto il primo viaggio in India, a ventitré anni, sono rimasto affascinato dalla lavorazione dei gioielli tramandata dalla tradizione delle antiche tribù. Da lì ho avviato un’attività di vendita all’ingrosso di gioielleria indiana in argento; col tempo ho iniziato a disegnare io stesso i monili per poi farli produrre dagli artigiani locali.

Come mai la scelta del nome Daedalus-project?

L’ho adottato quando dovevo trovare il nome per un punto vendita a Napoli. Avevo letto da poco il libro di James Joyce Dedalus, nel quale l’autore esplora i meandri dell’animo umano. Ho visto la corrispondenza con i bijoux, così personali e legati al carattere di chi li acquista.

Chi sono i tuoi clienti? Ci disegni un profilo?

Le mie creazioni possono piacere alle persone che amano indossare oggetti fatti a mano, assolutamente originali e irriproducibili in modo identico, e che, come me, apprezzano il valore di un prodotto artigianale, con l’applicazione e lo sforzo che richiede la realizzazione, specie se di buona fattura.

di Elisa Orlandotti

…continua a leggere l’articolo su FV N39>>