La bellezza ha molto da trarre dalle candele: i massaggi di cere e burri uniscono la bellezza dell’oggetto in sé, il potere dell’aromaterapia e l’efficacia dell’azione meccanica del movimento delle mani. In genere quelle usate per questo scopo sono composte da cera di soia da agricoltura biologica, burro di karité, di cacao o di cocco e qualche olio come argan, rosa mosqueta e mandorla. All’apparenza solide e in vasetto, all’accensione si sciolgono in un olio che unisce l’emolliente dei burri vegetali con la levigazione della cera vegetale, regalando una pelle liscia e setosa. La qualità è data dalle materie prime e dagli oli essenziali. 

Nella scelta della profumazione si seguono i principi dell’aromaterapia: per uno strappo muscolare, ad esempio, usiamo eucalipto citrato, rosmarino e lavanda, mentre utilizziamo arancio dolce come anti stress. Per un trattamento drenante anti cellulite o per stimolare il sistema linfatico ci lasciamo coccolare da ginepro, eucalipto ed elicriso. Tra i produttori italiani segnaliamo Verde Menta, che oltre all’alta qualità aggiunge olio di argan per una migliore tonificazione della pelle e le Kama di StaiBene, candele dai profumi orientali, dedicate al massaggio sensuale.  

Se invece desideriamo qualcosa di più curativo, come delle candele per aromaterapia, dobbiamo considerare aspetti chiave come la tipologia degli oli essenziali e degli aromi utilizzati…

di Grazia Cacciola

Foto di AdobeStock

…continua a leggere l’articolo su FV N42>>