Tecniche antichissime, utilizzate dagli Indios per la realizzazione di utensili, contenitori e accessori, riprendono vita nelle mani di Fernanda, creatrice del brand Taya Eco e Vegan Gioielli. Di origini brasiliane, la designer riscopre materiali interessanti ed ecologici provenienti dal suo paese, con i quali crea gioielli in avorio, corallo e oro, tutti di origine vegetale. Dopo aver preso una laurea in Design di Prodotti in Brasile, si è trasferita in Inghilterra per la specializzazione e ha lavorato per molti anni nel settore del gioiello. Ora vive in Italia con suo marito Michele e, attraverso il suo progetto, cerca di far vivere l’ecoartigianato, fondendo la passione per la natura e il cruelty free nella sua linea di gioielli fatti a mano e in pezzi limitati.

Sul suo sito www.ecotaya.com si possono vedere le foto degli alberi dai quali provengono i materiali usati da Fernanda e le loro caratteristiche, come ad esempio l’oro vegetale. Detto anche Capim Dourado, questo materiale è ricavato da un’erba (Singhnantus sp) che cresce nella regione di Jalapão, nel Centro-Nord del Brasile, raccolta e lavorata in modo sostenibile dai contadini che la abitano.

di Redazione

Foto di Andrea Tiziano Farinati

…continua a leggere l’articolo su FV N37>>