Tredici canzoni che raccontano una vita, amore per l’ambiente compreso, racchiuse in Testimone del tempo, battesimo musicale di Red Canzian dopo lo scioglimento dei Pooh. È il suo terzo album da solista, primo da “maggiorenne” come lui lo definisce. Un disco che abbraccia una vita, dalle origini – con i primi amori musicali rock e blues – ai temi che oggi gli sono più cari, come il rispetto per l’ambiente.

Vegano da nove anni, spesso impegnato in campagne contro il maltrattamento degli animali, Red Canzian nel suo Testimone del tempo ha lasciato traccia di una sensibilità che abbiamo voluto farci raccontare.

Testimone del tempo è il primo album in cui hai davvero messo tutto te stesso. Che effetto ti ha fatto?

Affrontare le responsabilità in prima persona è sempre bello, anche se rischioso. Quando scrivevo per i Pooh dovevo indirizzare le mie scelte musicali, invece qui c’è stata una purezza di creatività non mediata.

Questa libertà ti ha permesso di parlare dei temi in cui credi?

Esatto. Cosa abbiamo fatto mai è il pezzo vegano, come lo chiamano i miei collaboratori prendendomi in giro. In Cantico, dove c’è un piccolo cammeo di mia figlia Chiara, la natura si ribella e chiede all’uomo di stare attento a ciò che fa. È un disco che parla di amicizia, amore, di cose divertenti e di un passato riletto senza nostalgia.

 

di Sandra Colbacchin

…continua a leggere l’articolo su FV N32>>