C’è una città che negli States appartiene all’immaginario collettivo senza saperlo. È Philadelphia, la città dell’amore fraterno e universale, delle lotte per i diritti umani, della Dichiarazione d’Indipendenza, di alcuni tra i più grandi blockbuster della storia del cinema. E se la Liberty Bell, la campana che tintinnò per sancire la lettura della Dichiarazione d’Indipendenza nel 1776, oggi sta silenziosa al fondo del Trail, ben altra musica risuona nei parchi e lungo la scalinata che Rocky aggredì in una corsa folle alla ricerca della forma perfetta prima di scontrarsi con Apollo Creed in un film che ha cambiato la vita della città.

Philly infatti (la chiamano affettuosamente così tutti coloro che ne hanno vissuto lo spirito ribelle e anticonformista) è una città di contrasti e di grandi storie, di arte e natura, di mode che scardinano le tradizioni, di cultura e innovazione. È una città da vivere con le scarpe da ginnastica ai piedi, tanto è tutto a walking distance (ti dicono). Solo che, da un walking distance all’altro, a fine giornata la app dello smartphone segna facilmente oltre diciotto chilometri percorsi, una distanza maggiore di quella tra aeroporto e centro città, che è di soli undici chilometri.

Visitare Philadelphia è un tuffo esperienziale nell’atmosfera che ha portato le prime tredici colonie americane ad affrancarsi e a far nascere gli Stati Uniti d’America. La città, che esalta la libertà fin dalla sua fondazione, cerca di esprimere questo spirito in ogni angolo, in ogni locale, in ogni situazione. A partire dai suoi graffiti che dipingono un paesaggio urbano irreale ma rappresentano una delle più alte forme di arte concettuale architettonica moderna, tanto da essere incoraggiati e coordinati con le autorità cittadine per decorare la città. Quindi… pronti a raggiungerla?

Philly è il centro di un ideale viaggio sulla costa atlantica ed è facilmente raggiungibile dall’Italia con voli diretti American Airlines e indiretti di quasi tutte le maggiori compagnie aeree. Fusi orari e operativi favoriscono in molti casi partenze comode che consentono di sfruttare ancora parte del pomeriggio nel giorno di arrivo…

di Fabrizio Mezzo

…continua a leggere l’articolo su FV N41>>