Ha 78 anni James Cromwell, volto noto al pubblico di tutto il mondo per la sua interpretazione dell’allevatore di pecore Arthur Hoggett in Babe, maialino coraggioso, oltre che interprete in una serie pressoché infinita di film e telefilm di successo: dai primi ruoli in Agenzia Rockford, quando a 34 anni lascia gli studi di architettura per dedicarsi alla recitazione, alla serie di culto M*A*S*H, o ancora La casa nella prateria. Ma è proprio con Babe, maialino coraggioso, del 1995, che Cromwell non solo si guadagna una candidatura all’Oscar, ma abbraccia la causa vegana.

Ha poco più di trent’anni, l’attore di origine californiana, quando inizia il proprio cammino di consapevolezza. “Stavo attraversando il paese in sella alla mia motocicletta – ha dichiarato in un’intervista al network CGTN – quando, in Texas, mi trovai a costeggiare i recinti per gli animali, ammassati in piedi nei loro stessi escrementi, in fila ad aspettare la morte. Sembrava che la cosa sarebbe andata avanti per tutto il resto del giorno: ovunque guardassi non c’erano altro che animali che aspettavano di essere uccisi. E lì, per la prima volta, mi dissi che non potevo fare parte di quella tragedia. Era il 1974 ed è stato allora che il mio percorso ha avuto inizio. Da principio è inevitabile pensare che non ce la farai mai a stare senza questo o senza quello, domandarti da dove prenderai le proteine; hai poi l’impressione che non ci sia niente di buono da mangiare, ti stufi dell’insalata e trovi mille scuse e mille alibi. Sono anche sceso a patti con me stesso e ho ricominciato a mangiare uova, una volta ogni tanto, e il pesce, senza rendermi conto che forse queste due cose erano le peggiori in assoluto”.

di Fabio Zaccaria

Foto: © Glenn Francis, www.PacificProDigital.com

…continua a leggere l’articolo su FV N36>>